Posts contrassegnato dai tag ‘raffaimal blog’

Consigli per ottenere il massimo da TE

Le regole di mercato rendono false le scelte di ogni giorno. Torna a vivere il mondo sostenuto da un corpo sano e una mente libera.

€25,00


Ricerche condotte in Russia indicano che gli estratti di Rhaponticum carthamoides possono aumentare in modo significativo la massa muscolare, riducendo al contempo il grasso corporeo in atleti che li utilizzano durante l’allenamento. Alcuni studi mostrano anche che l’estratto di Rhaponticum carthamoides può contribuire ad aumentare la capacità di lavoro e la resistenza, riducendo la fatica fisica e mentale. L’estratto di Rhaponticum carthamoides e, soprattutto, i suoi principi attivi, gli ecdisteroni, sembrano quindi esercitare effetti anabolizzanti paragonabili a quelli di alcuni steroidi senza avere effetti collaterali nocivi.
La Rhaponticum carthamoides, nota anche con i nomi di leuzea o radice Maral, è una pianta originaria della regione del lago Baikal, presente in tutta la Siberia orientale. I siberiani tradizionalmente la consumano sotto forma di tisana mescolata con Rhodiola rosea come stimolante e, in caso di stanchezza o debolezza generale, dopo una malattia o ancora come rimedio fortificante alla fine del lungo inverno siberiano.

Entra nella farmacopea sovietica

Dopo oltre 25 anni di ricerche e studi clinici, la Rhaponticum carthamoides è stata aggiunta nel 1961 alla farmacopea sovietica, che la raccomandava per aumentare l’efficienza del lavoro, le prestazioni atletiche e il recupero dopo un carico di lavoro muscolare. La Rhaponticum carthamoides è stata integrata nelle bevande russe più popolari come baikal e sayani. L’élite degli atleti russi e bulgari ha a lungo utilizzato i suoi estratti per stimolare la crescita muscolare.

Ecdisteroni o ecdisoni

La Rhaponticum carthamoides contiene una serie di flavonoidi antiossidanti e steroli naturali. Tra questi, oltre 10 ecdisteroni tra cui 20-beta-ecdisterone, makisterone e carthamosterone, responsabili dei suoi effetti anabolizzanti. Gli ecdisteroni sono steroli poliossidrilati che, negli insetti e nei crostacei, controllano la proliferazione e la crescita cellulare e i cicli di sviluppo. Sono detti anche ecdisteroidi o ecdisoni. Le loro proprietà sono studiate da decine di laboratori di ricerca in tutto il mondo. Gli ecdisteroidi producono un effetto anabolizzante nei vertebrati stimolando la biosintesi delle proteine in fegato, reni e muscoli. Questa caratteristica è ampiamente usata nello sport professionistico con l’obiettivo di ottenere risultati migliori.

Un potente anabolizzante naturale

Fino agli anni Settanta, le squadre sportive sovietiche sono state sorprese a utilizzare diversi anabolizzanti. Nel 1976, i ricercatori sovietici hanno scoperto due sostanze con una lunga storia di utilizzo tradizionale. Una di queste piante era la Rhaponticum carthamoides, i cui principi attivi sono stati chiamati beta-ecdisterone. Secondo i ricercatori russi, l’estratto di Rhaponticum carthamoides stimola la sintesi proteica muscolare, aumentando l’attività dei poliribosomi, compartimenti cellulari in cui si svolge questa sintesi.
I sovietici hanno realizzato con successo una versione sintetica di questa potente sostanza per i loro atleti. Poco dopo, è stata creata una versione americana denominata mesobolina, che ha circolato per lungo tempo in canali non ufficiali. Studi comparativi su animali hanno dimostrato che l’estratto di Rhaponticum carthamoides era in realtà superiore agli ormoni steroidei sintetici per aumentare la resistenza e la crescita muscolare cellulare1.
Una revisione delle differenze di azione tra gli steroidi sintetici e la beta-ecdisterone indica che quest’ultima arriva direttamente nel nucleo cellulare per chiedere al DNA di produrre ulteriore RNA. Quindi, l’RNA chiede al ribosoma di produrre più proteine. D’altra parte, la beta-ecdisterone arriva direttamente al ribosoma e aumenta la cosiddetta traduzione, il ritmo con cui vengono create le nuove proteine2. Non aumenta la trascrizione, il messaggio inviato dal DNA, ma accelera la sintesi diretta delle proteine.
Studi di laboratorio hanno dimostrato gli effetti anabolizzanti dell’estratto di Rhaponticum, compresa la sua capacità di aumentare il peso corporeo, migliorando il rapporto muscolo/grasso, aumentando i livelli di emoglobina e globuli rossi, aumentando il livello totale di proteine nel sangue e riducendo l’accumulo di acido urico. Il risultato netto dimostrato dall’azione di questa sostanza è che il processo di costruzione dei muscoli del corpo supera quello di degradazione, con conseguente miglioramento di forma, resistenza e prestazioni.
Durante un’intensa attività fisica, l’estratto di Rhaponticum inibisce i disturbi del metabolismo energetico, mantiene stabili i livelli di glicogeno nei muscoli scheletrici, aumenta l’afflusso di sangue ai muscoli e al cervello e riduce il periodo di recupero dopo un carico di lavoro muscolare prolungato.
L’intensa attività fisica degli atleti di alto livello ha portato ad un aumento della coagulazione del sangue, che provoca dolori muscolari, spesso con lesioni. È stato condotto uno studio comparativo utilizzando una miscela di estratto di Rhaponticum, Eleutherococcus e vitamine. 20 giorni di trattamento hanno prodotto una riduzione dei fattori di coagulazione indotti dall’intensa preparazione atletica. Il trattamento con questa combinazione di adattogeni ha determinato una marcata riduzione del potenziale di coagulazione degli atleti, accompagnata da un aumento della loro capacità di lavoro e recupero dopo un allenamento intensivo3.

Gli effetti secondari degli steroidi anabolizzanti

In un esperimento su 112 atleti, l’89% di quelli trattati con l’estratto di Rhaponticum ha mostrato un più rapido recupero dalla stanchezza, minore apatia dopo il lavoro fisico e miglioramento delle prestazioni negli sport come atletica, nuoto, pattinaggio di velocità o sci alpino, rispetto agli atleti che avevano assunto un placebo. L’assunzione di Rhaponticum ha accelerato l’adattamento a condizioni climatiche e sociali per il 69% di essi e ha aumentato l’appetito dell’86% e l’adattamento ai carichi di lavoro fisici in modo significativo nel 78% di essi. Successivamente, gli effetti dell’estratto di Rhaponticum sono stati confrontati con quelli di vari steroidi anabolizzanti noti. Gli effetti dell’estratto di Rhaponticum erano paragonabili a quelli dei composti steroidei, ma senza danneggiare la corteccia surrenale. Non aveva l’azione androgena degli steroidi anabolizzanti, né gli effetti collaterali relativi4.
Inoltre, gli ecdisteroni dell’estratto di Rhaponticum rafforzano il funzionamento del fegato e dei reni, un effetto completamente opposto a quello degli steroidi sintetici che possono portare a lesioni in questi organi.
Studi condotti in sette cliniche a Mosca, Leningrado e Kiev dimostrano che l’estratto di Rhaponticum migliora in modo significativo lo stato fisico e mentale dei pazienti. Aumenta la loro capacità di svolgere attività e il loro peso corporeo durante periodi di malnutrizione causati da disturbi della sintesi proteica. Le sue proprietà anabolizzanti provocano una normalizzazione del peso corporeo senza alcuna influenza nociva sulle funzioni della corteccia surrenale o delle ghiandole endocrine5.

Migliora l’immunità umorale

È stato studiato l’effetto della somministrazione per 20 giorni di un estratto di Rhaponticum carthamoides sull’immunità umorale dei corridori di gare di velocità e di fondo su distanze di 5.000 e 10.000 metri6. Un’intensa attività fisica ciclica induce una diminuzione significativa di IgG e IgA sieriche degli atleti, così come dei componenti del complemento C3 nei giorni 10 e 20. L’integrazione ha contribuito a ripristinare i livelli abbassati di IgG, IgA e dei componenti del complemento C3. Al contempo, la capacità di svolgere attività degli atleti è aumentata dal 10 al 15%.

Aumenta prestazioni e resistenza

Un altro gruppo di ricercatori ha dimostrato che un estratto di Rhaponticum carthamoides associato a L-carnitina e acetil-L-carnitina utilizzato per 10 giorni ha aumentato la velocità massima di corsa e la resistenza, mentre la sola L-carnitina non era in grado di ottenere questo risultato7.
L’estratto di Rhaponticum carthamoides aumenta notevolmente la capacità di lavoro dei muscoli scheletrici stanchi e aumenta il loro contenuto di glicogeno, ATP e creatina fosfato8. Le formulazioni sportive più popolari includono tradizionalmente estratti di leuzea e Rhodiola rosea9. Diverse preparazioni a base di estratti di questa pianta sono registrate e protette da una dozzina di brevetti e sono molto popolari tra gli atleti professionisti, anche tra campioni del mondo o campioni olimpici, ma in Russia vengono utilizzati anche dalle persone normali. Una preparazione a base di Rhaponticum carthamoides e Rhodiola rosea è ampiamente utilizzata non solo dagli atleti professionisti, ma anche nella vita di tutti i giorni da persone in buona salute come tonico per aumentare la capacità di lavoro fisico e mentale. Può essere utilizzata con successo contro la fatica e migliorare i processi di apprendimento e memoria senza effetti nocivi per il corpo.

Attività anti-fatica

Gli effetti sulla fatica fisica e mentale sono stati dimostrati in diversi studi su animali ed esseri umani.
Secondo il Dott. V.S. Novokov, uno scienziato russo, una delle prime manifestazioni di stress mentale è l’incapacità di dormire bene. Durante lunghi viaggi in mare, tra operatori il cui lavoro richiedeva la gestione di attrezzature informatiche sofisticate gli scienziati hanno osservato disturbi del sonno, che si manifestavano con confusione al momento di addormentarsi e una respirazione poco profonda durante il sonno, con risvegli frequenti e sogni. Tali disturbi del sonno determinavano difficoltà a svolgere con efficacia il proprio lavoro. Gli scienziati hanno risolto i disturbi del sonno dei marinai utilizzando un estratto di Rhaponticum carthamoides10.
È stato condotto un altro studio con i membri dell’equipaggio di un rompighiaccio durante un lungo viaggio nella regione artica. Dopo quattro mesi di navigazione, i marinai sono stati divisi in due gruppi e sottoposti a test medici. Il primo gruppo di 22 marinai ha iniziato a prendere un estratto di Rhaponticum (2 ml due volte al giorno per tre settimane) e il secondo composto da 25 marinai ha assunto la stessa quantità di tè con 5 gocce di alcol. I primi segni di un effetto benefico dell’estratto di Rhaponticum si sono manifestati 8-10 giorni dopo l’inizio del trattamento: la salute dei marinai era migliorata, il sonno si era normalizzato, il loro appetito era maggiore, il loro stato d’animo migliore e, soprattutto, la loro produttività era aumentata. Alla fine dello studio, la condizione fisica e mentale dei marinai di questo gruppo è risultata migliorata. Al contempo, nei marinai del gruppo di controllo la fatica è aumentata e le prestazioni e la produttività sono diminuite11.

Un adattogeno

L’estratto di Rhaponticum carthamoides ha effetti adattogeni pronunciati. Aumenta la capacità dinamica di lavoro, migliora la risposta allo stress e l’adattamento fisico e mentale alle sfide e aumenta la capacità fisica e intellettuale di lavorare in condizioni di stress. Quando si somministra estratto di Rhaponticum agli animali esposti in condizioni sperimentali a stress estremo (ampia varietà di stress fisici, chimici o biologici) utilizzati per valutare le piante adattogene, la loro resistenza all’influenza negativa dei vari elementi chimici stressanti aumenta. L’estratto normalizza la salute delle ghiandole surrenali (il peso) e di altre ghiandole endocrine durante e dopo un lungo periodo di stress. La sua somministrazione ha migliorato l’adattamento al freddo di uomini che lavorano in un clima nordico12.

Azione sulla salute mentale

Gli ecdisteroni modulano il recettore GABA (acido gamma-aminobutirrico) inducendo un’inibizione GABAergica nei neuroni corticali con conseguente effetto netto di stabilizzazione dell’umore e antiepilettico 13. Nella pratica clinica, l’estratto di Rhaponticum ha un effetto benefico su pazienti nevrotici e psichiatrici con astenia, sindrome asteno-depressiva o asteno-ipocondriaca.
Gli effetti di un estratto di Rhaponticum sono stati valutati sui processi di apprendimento e memorizzazione nei ratti. Agli animali sono stati somministrati per via orale da 0,25 a 0,5 g/kg di peso corporeo prima di una sessione di allenamento. L’integrazione ha migliorato significativamente la loro capacità di apprendimento e memorizzazione14.

Stimola la sessualità e lo sviluppo degli organi sessuali

Scienziati russi hanno condotto uno studio che li ha portati a notare che, oltre a rafforzare la resistenza e la forma nel complesso, la Rhaponticum stimola la funzione sessuale. Gli scienziati hanno osservato il comportamento sessuale degli animali da laboratorio ai quali è stato somministrato un estratto di Rhaponticum per dieci giorni. Essi hanno scoperto che la funzione sessuale di tutti gli animali maschi è stata stimolata dall’estratto. Gli scienziati hanno inoltre scoperto che l’estratto di Rhaponticum favorisce l’aumento di peso e lo sviluppo degli organi sessuali (i testicoli) negli animali, in particolare tra quelli più deboli15. Risultati simili sono stati osservati quando l’estratto è stato somministrato a uomini affetti da disfunzione sessuale. La somministrazione di ecdisteroni a uomini con diagnosi di problemi di fertilità (spermatogenesi alterata come complicanza di una malattia urologica) aumenta la funzione copulativa e migliora la qualità dello sperma. La somministrazione di un estratto di Rhaponticum standardizzato al 5% di ecdisteroni a pazienti in fase di recupero da un infarto del miocardio si traduce anch’essa in un miglioramento della capacità sessuale e della qualità dello sperma16.

Annunci